Il Dott. Iannaccone AMMETTE che il ponteggio, pagato dal Comune di Napoli, è stato regalato alla Uno Outdoor

Da questa intervista emergono varie cose la prima è che non è vero che i tempi previsti dal bando pubblico sono stati rispettati, si vada sul sito del comune di Napoli e si scarichino i tempi previsti dalla gara pubblica, per brevità faccio un solo esempio quello della fontana del carciofo in cui erano previsti al massimo 60 giorni di lavori e di conseguente pubblicità , nella realtà come documentato dai giornali il restauro è durato quasi un anno e un cartello pubblicitario nell’aiuola fa ancora bella mostra di se e dello sponsor, la seconda Il Dott. Iannaccone AMMETTE (dal minuto 5.23) che il ponteggio, pagato dal Comune di Napoli con una regolare delibera, è stato regalato alla Uno Outdoor che “NE HA APPROFITTATO” (parole del dott. Iannaccone) per montare la sua pubblicità contro quanto previsto dal bando di gara…

Cioè un regalo di 96.000 euro di soldi pubblici come da delibera. Terzo la uno outdoor afferma che i lavori del ponte di Chiaia dopo un anno di pubblicità sono iniziati da una settimana. Si vada a vedere il filmato dei commercianti di Chiaia sulla mia pagina personale facebook che dimostra che non vi è l’ombra di nessun operaio e che non vi sono lavori in corso, così come ampiamente documentato dal filmato e dai commercianti di via Chiaia.

Il ponteggio come da bando pubblico doveva invece essere realizzato a cura e spese della unooutdoor, perchè un Comune in dissesto fa tale regalo ad un imprenditore?