Monumentando: fuori legge gli spot sulle opere d’arte

 Monumentando, l’affaire è enorme, maschera interessi inconfessabili e molto forti, coperture istituzionali, giro vorticoso di milioni e quindi di conseguenza, una resistenza fortissima che si può abbattere solo con la giusta reazione e indignazione dell’opinione pubblica.

Monumentando in poche parole:
Ma se il privato incassa pubblicità per milioni, sequestra i monumenti per anni e li restituisce dopo lavate di faccia, tra l’altro dannose per il marmo, dal costo di pochi euro, è un operazione benefica o una presa per il c……?

Inoltre Monumentando è:

  • stravolgere una legge nata per favorire il restauro dei monumenti,
    violentarla per lucrare sulla pubblicità
  • abbattere tutti limiti alla pubblicità nei centri storici
  • cancellare e nascondere interi brani della nostra storia monumentale per anni
  • distruggere la concorrenza in campo pubblicitario grazie alla esenzione sui tributi
  • ottenere maxi formati pubblicitari contro legge
  • rendere non più fruibili ai turisti e ai cittadini i monumenti
  • danneggiare la nostra immagine turistica
  • violare il codice degli appalti
  • violare il codice della strada sulla sicurezza delle strade e ingenerare distrazione alla guida e incidenti
  • violare il codice della strada sulle installazioni pubblicitarie
  • violare la legge sulla concorrenza
  • violare il codice dei beni culturali
  • prendere per il naso i cittadini spacciando un operazione speculativa per tutela del nostro patrimonio artistico
  • restituire dopo anni i monumenti con restauri ridicoli negli importi di spesa
  • tentare di spacciare semplici puliture tra l’altro dannose, per restauri completi.